Martedì, 20 Novembre 2018 18:07

Nell’era di Facebook è ancora importante avere un sito web?

Scritto da Guido Montoleone

Ci stiamo avviando a concludere anche il 2018 e la domanda che molti clienti continuano a farmi è sempre la stessa “ma è ancora importante avere un sito web nel 2018?”. La risposta non può che essere sempre la stessa, l’importante non è capire se è utile avere un sito web nel 2018, ma capire quali risultati si desidera ottenere!

Ve lo dico fin da subito, non sono di quei fanatici del web che ti dice di farti a tutti i costi un sito web perché sennò non sei nessuno. Il mio punto di vista, da consulente di marketing di Siklem, è valutare quali risultati desideri ottenere con la creazione di un sito internet e quali utilizzando solamente i social network. Canali diversi per risultati differenti! Diamo un’occhiata su come sono orientate le aziende italiane, secondo i dati Istat del 2017, 7 imprese su 10 posseggono un sito web. Non male penserete? Ed invece no perché solo il 10% di queste utilizza il proprio sito web come canale e-commerce per vendere i propri prodotti online. Quindi, se l’obiettivo è sfruttare il web per vendere di più le aziende italiane hanno effettuato una scelta errata. Differentemente, se l’obiettivo è dare visibilità alla propria azienda tramite un sito web vetrina, dove poter mostrare tutti i prodotti e/o servizi, l’Italia non è poi messa così male. Come vedi, tutto cambia in relazione ai risultati che si desidera ottenere!

Ma in cosa un sito web può essere utile per consentirci di far fare un salto di visibilità alla nostra azienda? I punti sono tanti, qui di seguito ti riassumo due tra i più utilizzati:

Campagne di e-mail marketing

Le campagne di e-mail marketing, e non mi riferisco a quelle fastidiosissime e-mail che ci intasano la casella di posta elettronica di pubblicità (SPAM), sono molto utili per presentare ai propri clienti, o potenziali tali, le promozioni o i prodotti/servizi. Le campagne di e-mail marketing sono molto più efficaci se posseggono contenuti veramente attraenti e se rimandano l’utente sul sito web o landing page aziendale.
Infatti, circa la metà delle persone che ricevono un'e-mail da un'azienda a cui hanno dato il proprio consenso fanno clic sul link per approfondire l’argomento sul sito web. Se non si ha a disposizione un sito web, l’utente dovrebbe essere invitato a visitare la pagina aziendale sul social network (ad esempio Facebook), ma in quel caso è facile far reperire tutte le informazioni dell’offerta o sui servizi proposti? Nella maggior parte dei casi no!

Questo avviene perché i social network sono ideati per creare interazione tra gli utenti sotto forma di dialogo e sviluppare engagement e non per sostituire i siti internet. Si possono utilizzare per la sponsorizzazione dei propri prodotti o servizi ma non per descrivere nel dettaglio le attività del proprio business. Tornando alle attività di e-mail marketing, con i link di rimando agli account social, otterrai un minor tasso di apertura dell’e-mail e di conseguenza un minor tasso di conversione, che tradotto significa che la tua campagna è stata poco efficace. Ovviamente ci sono tanti altri aspetti da seguire affinché una campagna di e-mail marketing risulti efficace, ma ne parleremo in un altro articolo.

Visibilità sui motori di ricerca

I motori di ricerca, Google o Bing per intenderci, consentono ai consumatori di cercare qualsiasi prodotto, servizio, attività commerciale, con pochi clic. Quando si cerca un negozio, azienda, professionista online e questo non dispone di un sito web, è possibile che vengano visualizzati il ​​nome, il numero di telefono e l'indirizzo, ammesso che sia presente nelle directory di ricerca (scheda Google My Business, iscrizione a Pagine Gialle, account social ecc.). A livello di visibilità siamo risultati visibili ma siamo riusciti a dare tutte le informazioni che l’utente cercava? La risposta è ovviamente no! Poniamola in un altro modo, è come se un cliente giungesse nella via in cui è presente un negozio di abbigliamento ma quest’ultimo non possiede un’insegna e non ha allestito una vetrina. Difficilmente quel cliente entrerà in quel negozio, anche perché risulterebbe difficile la sua individuazione. Ecco il sito web ha proprio questa funzione sui motori di ricerca.
Molti piccoli imprenditori che non possiedono un sito web ritengono che non è rilevante per il proprio settore, ma è difficile pensare ad un settore in cui un sito web non sia pertinente. Personalmente, sono molto diffidente nel fare affari con qualsiasi azienda che non abbia un sito web. Non per principio preso, ma perchè sicuramente sul web ci sarà almeno un'azienda simile, con un sito internet e che è in grado di darmi tutte le informazioni desiderate. Che tu venda al dettaglio o all’ingrosso, a tutti piace ricevere quante più informazioni possibili sul tipo di azienda che si sta contattando o sui prodotti/servizi offerti prima di interagire con loro, sia per acquistare o solamente per richiedere maggiori informazioni. Senza un sito web la tua azienda verrebbe vista poco professionale, tutto a vantaggio dei tuoi competitor.

C’è poi chi ritiene di non aver bisogno di un sito web perché ha una forte presenza sui social network. Benissimo! Ma ricordati che i social network cambiano continuamente i loro algoritmi e le loro politiche di interazioni e di visibilità dei contenuti. Per farvi un esempio, di recente Facebook ha cambiato il suo algoritmo dando priorità ai messaggi degli amici e familiari sui post delle aziende nei feed degli utenti. Cosa accadrebbe se il social network in cui hai investito tanto tempo e passione pian pianino si avviasse al declino? Esempio concreto, Google ha da poco dichiarato che nel 2019 chiuderà il suo canale social Google+ consumer perchè poco profittevole per il proprio business, oppure, ti ricordi ancora di MySpace o Snapchat?

Se costruisci la visibilità della tua attività commerciale su un sito web, piuttosto che sul terreno di qualcun altro, il tuo investimento in termini di tempo, energia e denaro sarà sicuramente più sicuro.

Ma allora, cosa frena le piccole imprese a non avere un sito web?

Più di un quarto (26%) delle piccole imprese senza un sito web cita il costo come l'ostacolo principale. Ma tra le piccole imprese che hanno un sito web, oltre un quarto (28%) ha speso meno di 400 Euro per crearne uno.
Se possiedi, ad esempio, una lavanderia, un paio di pagine con le informazioni di base come: orario di apertura, tipologia di lavaggi effettuati, indirizzo, numero di telefono, e link ai tuoi canali social può essere più che sufficiente. Incrementerai notevolmente la tua visibilità in rete a fronte di una bassa spesa economica.

Hai bisogno di aiuto per pianificare il tuo sito web aziendale e utilizzarlo efficacemente come strumento di marketing? Contattaci tramite il form ed individueremo gratuitamente assieme come incrementare la tua visibilità online!